Condividi

SEMINARI
SEMINARI

sabato 23 giugno 2018 • ore 19.15
Lecce, Castello Carlo V – Sala Pignatelli

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – 

“DIRECTION: CHAMPAGNE ROSÉ”

SEMINARIO CON 

  • Francesco Muci – Slow Wine Puglia

 

Dicono che non sia facile realizzare uno champagne rosé. Lo si intuisce, spesso, dal costo mediamente più alto. Ma, soprattutto, dalle parole della critica che quando trova uno champagne rosé, sans année o, ancora meglio, millesimé che si distingue, lo racconta con un unico attributo: “memorabile”.

Se ciò dipenda dal fare conti con una percentuale di uva tanto delicata, quanto scontrosa come il Pinot Noir o se la differenza la faccia il metodo utilizzato, l’antico assemblage dei “vins rouge et blanc” oppure il “saignée”. Un dato certo è certo: che arrivino dai Grande Cru della Montagne de Reims o dai Premier Cru della Valle della Marne, questi champagne rosé hanno sempre grande carattere e proveremo a rimanerne affascinati con l’assaggio di queste cinque etichette “cult”:

• champagne Brut Rosè – Veuve Clicquot Ponsardin
• champagne Rosè Brut Vintage 2012 – Louis Roederer
• champagne Brut Cuvée Rosé – Laurent Perrier
• champagne Rosé Brut Grand Rosè – Jean Gosset
• champagne Grand Cuvèe Brut Rosè – Vranken Demoiselle

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – 

BIGLIETTERIA:

costo € 50  | Il costo dei seminari include un ticket valido per 7 degustazioni presso il Salone dei Vini

PRENOTAZIONI: 

SEMINARI

sabato 23 giugno 2018 • ore 21.00
Lecce, Castello Carlo V – Sala Pignatelli

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –


“ROSA DI FRANCIA”

SEMINARIO CON

  • Francesco Muci – Slow Wine Puglia
  • Giuseppe Baldassarre – Consigliere Nazionale AIS
  • Jean Marc Ducasse – Pink Rosé Festival

 

Sono i rosé più richiesti dai consumatori in giro per il mondo, quelli più scimmiottati – se non altro nel colore – da quella parte di produzione che, non potendo contare su una propria tradizione territoriale, segue i trend di consumo: i rosé di Provenza sono, in ogni caso, un’imprescindibile punto di riferimento con cui i territori a vocazione “rosato” devono fare i conti.

Ma qual è la loro chiave di successo? Quel rosa tenue, pallido, con sfumature tra il litchi e il pesca che cattura luce e occhi? Quegli aromi floreali, delicatamente fruttati che sprigionano e che incitano il sorso? O quella mineralità intrigante che avvince il palato?
Eppure quelle tonalità pastello, quel gioco di freschezza e sapidità che offrono, è frutto di una sapienza vitivinicola che ha saputo esaltare le caratteristiche delle uve e di un territorio affacciato sul mare.
Con un percorso gustativo che parte dalla più nota denominazione Cote de Provence, scopriremo la grande espressività come Bandol e anche, forse, che i rosé hanno un potenziale di longevità insospettabile.

– Côtes de Provence Rosé “Corail” 2017 – Château Roquefort
– Bandol Rosé “Cœur de Grain” Château Romassan 2017 – Domaines Ott
– Bandol Rosé 2017 – Domaine Tempier
– Côtes de Provence Rosé La Chapelle Gordonne 2017 – Château La Gordonne
– Côtes de Provence Rosé 2016 – Miraval

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – 

BIGLIETTERIA:

costo € 40 | Il costo dei seminari include un ticket valido per 7 degustazioni presso il Salone dei Vini

PRENOTAZIONI: 

SEMINARI

domenica 24 giugno 2018 • ore 19.00
Lecce, Castello Carlo V – Sala Pignatelli 

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – 

“Trentodoc, il rosato di montagna delle Dolomiti ”

SEMINARIO A CURA DI AIS PUGLIA CON 

  • Giuseppe Baldassarre – Consigliere Nazionale AIS 
  • Marco Albanese – relatore AIS

TrentoDoc rappresenta, oggi, la bollicina da metodo classico italiana sinonimo di eleganza, complessità, persistenza. Gli Spumanti prodotti sotto il segno di questa denominazione non possono essere mai banali: nella loro essenza sono l’espressione più pura del territorio delineato dalle Dolomiti, forgiati, nella qualità e varietà di profumi, dal microclima montano e dalla posizione altimetrica del vigneto, lì dove il Pinot Nero – per la versione metodo classico rosé – trova le condizioni ottimali per regalare eleganza, finezza e struttura.

TrentoDoc è una vera e propria carta di identità che certifica il carattere di montagna delle sue bollicine. Un legame inscindibile col territorio che scopriremo in un emozionante percorso degustativo in salita di ben 6 metodo classico rosé che parte da corposi sans année sino a millesimi con 72 mesi di affinamento sui lieviti.  


– Cesarini Sforza Spumanti – Trentodoc Cesarini Sforza Brut Rosé S.A. – Brut Rosé
– Altemasi – Trentodoc Altemasi Rosé S.A. – Brut Rosé
– Cantine Monfort – Trentodoc Monfort Rosé S.A. – Brut Rosé
– Rotari – Trentodoc Rotari AlpeRegis Rosé 2013 – Brut Millesimato Rosé
– Cantine Ferrari – Trentodoc Ferrari Perlé Rosé 2012 – Brut Riserva Rosé
– Revì – Trentodoc Revì Cavaliere Nero Rosé Riserva 2011 – Extra Brut Riserva Rosé

 

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – 

BIGLIETTERIA:

costo  € 25 | Il costo dei seminari include un ticket valido per 7 degustazioni presso il Salone dei Vini

PRENOTAZIONI: 

SEMINARI

domenica 24 giugno 2018 • ore 21.00
Lecce, Castello Carlo V – Sala Pignatelli

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – 

Declinazione di Lambrusco Spumante 

SEMINARIO CON

  • Maura Gigatti – miglior Sommelier del Lambrusco 2016
  • Giuseppe Baldassarre – Consigliere Nazionale AIS 
  • Fabrizio Miccoli – relatore AIS

Figlio di una terra generosa, l’Emilia, il Lambrusco è un vino versatile e sincero che nel suo essere non può fare a meno di “dare” quella caratteristica e piacevole sensazione petillant che conquista anche i palati non avvezzi a bere vino. Un’esuberanza naturale la sua, che non può fare a meno di nascondere nella veste frizzante. Eppure è capace di eleganza, un’insospettabile finezza che nella versione rosé metodo classico regala emozioni anche ai puristi delle bollicine. Una piacevole scoperta che avremo modo di fare immergendoci nel cuore dell’Emilia con l’assaggio di sei etichette esemplari. 


– RIMOSSO Lambrusco di Sorbara Doc – Cantina della Volta
– ROSE’ LAMBRUSCO Igt Emilia rosato frizzante – Azienda Rinaldini
– OTTOCENTOROSA Emilia Igt Extra Dry – Cantina Albinea Canali
– SPUMANTE Lambrusco rosato Modena Doc Extra dry – Cantina Righi
– LA RISERVA Lambrusco di Sorbara Doc Riserva – Cantina Paltrinieri
– METODO CLASSICO ROSE’ Modena Doc – Cantina della Volta

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – 

BIGLIETTERIA:

costo € 25 |  Il costo dei seminari include un ticket valido per 7 degustazioni presso il Salone dei Vini

PRENOTAZIONI: